Il noto conoscitore del vino Zakaria Jorjadze è stato uno dei primi imprenditori del vino. Nel 1885, fondò la società Eniseli Bagrationi attorno alle terre della sua famiglia a Eniseli, Kakheti.

In epoca imperiale russa, la nobiltà si riuniva al castello di Eniseli per discutere di politica, letteratura e arte. Il cancello di ferro del castello, ornato e colorato di blu ceruleo, era adattato alle carrozze a cavalli, il trasporto era utilizzato esclusivamente dalle classi superiori. Una lussuosa carrozza nera con un soffitto in pelle, di proprietà della famiglia Jorjadze, è esposta nel castello.

Eniseli Bagrationi winery in Kakheti

Una volta stabilito il regime sovietico, il castello fu nazionalizzato. Tuttavia, la vinificazione a Eniseli Bagrationi non fu abbandonata, ma prosperò. La produzione cessò negli anni ’90, ma fu rapidamente ripresa nel 2004 dai discendenti di Zakaria Jorjadze. L’azienda ora produce vini bianchi e rossi, brandy, vino spumante e la bevanda alcolica etnica georgiana, chacha. Le esportazioni vengono spedite in paesi come Russia, Ucraina, Polonia e Cina.

La cantina Eniseli Bagrationi si trova nel villaggio di Eniseli, a pochi chilometri dal monastero di Gremi. I visitatori troveranno un hotel accogliente e splendidi giardini con alberi di oltre 200 anni. Anche il piccolo vigneto, dove vengono coltivate diverse specie di uva bianca, fa parte del castello.

La calda atmosfera familiare attorno alla quale è stata originariamente costruita può essere ancora sentita oggi. È dove l’impero russo incontra l’URSS e la sovrana Georgia; dove una storia di 200 anni si riflette nel tannino e nel sapore del vino.

Periodo migliore per visitare Chateau Eniseli: settembre – fine ottobre.

Come arrival a Eniseli Bagrationi Winery

  • Tbilisi – Telavi (100km)
    • Marshrutka (minibus)
    • Taxi
  • Telavi – Chateau Eniseli (25km)
    • Taxi

Eniseli Bagrationi winery sulla mappa